BISCEGLIE

Bisceglie, la vittoria con la Cavese non basta

Rocambolesco 4-3 al "Ventura". I nerazzurri dovranno affrontare anche la prima fase dei playout con la Paganese

Luca Ferrante
05.05.2019 18:38

Il Bisceglie calcio ha provato con le unghie e coi denti a portare a casa l'intera posta in palio per non disputare la prima fase dei playout ma alla fine la vittoria è arrivata ma il successo della Paganese con la giovane Viterbese ha cancellato il sogno di passare direttamente allo spareggio retrocessione con una formazione del girone A. Al "Gustavo Ventura" gran prova dei nerazzurri che hanno piegato la Cavese, grazie soprattutto alla strepitosa prestazione di Angelo Scalzone, autore di una tripletta. Una prova che dimostra quanto gli stellati possono rincorrere ancora la salvezza nel campionato di Serie C. I falchi, con questa sconfitta, non sono riusciti a centrare un posto nei playoff, per via della differenza reti favorevole al Rende che conquista la decima posizione.

L'unica salvezza che rimane al team biscegliese è il ricorso ai tre punti di penalizzazione che verrà discusso dalla Corte d'appello martedì 7 aprile. Se al Bisceglie verranno tolti i tre punti, i nerazzurri non dovranno disputare la prima fase dei playout.

Mister Rodolfo Vanoli non ha potuto contare sugli squalificati Giron e Starita, oltre agli indisponibili Maccarone, Mosti e Maestrelli. Torna invece Risolo dalla squalifica. Il tecnico varesino ha schierato dunque un 4-3-3 con Zigrossi, Markic, Mastrilli e Calandra in difesa. A centrocampo spazio a Triarico, Risolo e Giacomarro. Tris d'attacco con Sclazone, Cuppone e la novità Djolou Zohoki. Anche il trainer Giacomo Modica si è affidato al 4-3-3 viste anche le assenze di Bruno, Lia e Pugliese.

Ritmi altissimi fin dai primi secondi della sfida con entrambe in cerca del successo per raggiungere i playoff o evitare la prima fase dei playout. Partenza sprint del Bisceglie che al primo affondo è passata in vantaggio grazie al colpo di testa vincente di Angelo Scalzone su assist di Vittorio Triarico dopo appena cinquanta secondi. Non è trascorso nemmeno un minuto che si è concretizzato il raddoppio dei padroni di casa: Risolo per Cuppone che si è liberato della marcatura di Palomeque e ha trafitto De Brasi.

I falchi però hanno reagito dimostrando di non mollare davanti a un doppio svantaggio. Sugli sviluppi di una punizione battuta da Manetta, Fella in girata ha battuto Cerofolini accorciando le distanze. All'8° è già 2-2 con Sanz Maza, servito dal traversone dalla destra, che ha superato Calandra e poi battuto l'estremo nerazzurro. Le due squadre poi hanno abbassato i ritmi per rifiatare un po'. Tuttavia gli stellati non sono più riusciti a costruire nessuna azione d'attacco, gli ospiti invece hanno mantenuto il pallino del gioco ma non hanno impensierito Vassallo, subentrato a Cerofolini, uscito dal campo dolorante dopo uno scontro con Calandra.

Nella ripresa la formazione allenata da Rodolfo Vanoli ha rimesso la testa avanti al 51° con Scalzone che ha beffato De Brasi da posizione defilata. Prima doppietta con la maglia nerazzurra per l'attaccante 29enne. Ancora una volta la compagine azzurra non si è scomposta e ha nuovamente impattato dopo otto minuti: Magrassi in corsa ha servito l'accorrente Rosafio che ha superato Vassallo con un morbido pallonetto in area (3-3). Risposta immediata dei nerazzurri con Triarico che ha corretto il tiro di Risolo con la testa a porta praticamente sguarnita ma la palla è terminata alta sopra la traversa.

Ritmi sempre altissimi in un match bellissimo con entrambe le formazioni che non si sono risparmiate. All'81° ancora uno strepitoso Scalzone a insaccare nel sette con un diagonale che non ha lasciato scampo al portiere ospite (4-3). Tripletta per l'attaccante stellato che dopo tre giri di lancette ha lasciato spazio a Parlati prendendo posto in panchina tra gli applausi del pubblico del "Gustavo Ventura".

La Cavese non è stata a guardare e ha avuto un'occasione per andare per la prima volta nell'incontro in vantaggio ma Tumbarello, sulla respinta corta di Mastrilli e Vassallo leggermente fuori posizione, ha sparato alto la palla sprecando una buona opportunità. Dopo sei minuti di recupero è finita la gara fra Bisceglie e Cavese con una vittoria agrodolce per Cuppone e compagni.

Sabato 18 e 25 maggio si disputeranno le due gare fra Bisceglie e Paganese. All'andata si giocherà a Pagani, ritorno al "Gustavo Ventura".


SERIE C GIRONE C - Trentottesima giornata (domenica 5 maggio)
Reggina-Matera 3-0 a tavolino
ore 18:30 / Bisceglie-Cavese 4-3
ore 18:30 / Catania-Rieti 1-1
ore 18:30 / Catanzaro-Trapani 6-3
ore 18:30 / Juve Stabia-Virtus Francavilla 1-2

ore 18:30 / Monopoli-Siracusa 4-1
ore 18:30 / Paganese-Viterbese Castrense 1-0
ore 18:30 / Potenza-Vibonese 1-0
ore 18:30 / Sicula Leonzio-Casertana 0-3
Ha riposato il Rende


CLASSIFICA girone C
Juve Stabia (-1) 77; Trapani (-1) 73; Catanzaro 67; Catania 65; Potenza 57; Virtus Francavilla 55; Reggina (-4) 52; Monopoli (-2), Casertana 51; Rende (-1), Cavese 47; Viterbese Castrense 45; Vibonese, Sicula Leonzio, Vibonese 42; Rieti (-4) 39; Siracusa (-7) 35; Bisceglie (-3) 29; Paganese 23. Matera escluso dal campionato.

Juve Stabia promossa in Serie B


PLAYOFF squadre qualificate: Trapani, Catanzaro, Catania, Potenza, Virtus Francavilla, Reggina, Monopoli, Casertana, Rende

PLAYOUT: sabato 18 maggio: Paganese-Bisceglie. Sabato 25 Maggio: Bisceglie-Paganese.

BISCEGLIE-CAVESE 4-3

Bisceglie (4-3-3): 1 Cerofolini (dal 10° 22 Vassallo), 2 Calandra, 3 Mastrilli, 5 Markic, 9 Djolou Zohoki, 11 Cuppone (dal 96° 14 Camporeale), 18 Triarico, 19 Risolo, 21 Scalzone (dall'84° 8 Parlati), 23 Giacomarro, 26 Zigrossi. Allenatore: Rodolfo Vanoli. A disposizione: 12 Addario, 4 Bottalico, 7 Dellino, 15 Longo, 17 Cuomo, 20 Jovanovic, 24 Bangu, 25 Casella.
Cavese (4-3-3 dal 71° 5-3-2): 22 De Brasi, 2 Palomeque, 4 Migliorini, 5 Manetta, 7 Rosafio (dall'82° 10 De Rosa), 8 Favasulli (dall'82° 34 Castagna), 11 Fella (dal 55° 36 Magrassi), 13 Bacchetti, 14 Tumbarello, 37 Filippini (dal 55° 35 Ferrara), 38 Sainz Maza (dal 71° 3 Silvestri). Allenatore: Giacomo Modica. A disposizione: 12 Bisogno, 16 Buda, 17 Logoluso, 18 Flores Heatelay, 24 Agate, 28 Nunziante, 30 Dibari.
Arbitro: Ermanno Feliciani di Teramo.
Assistenti: Simone Assante di Frosinone, Tiziano Notarangelo di Cassino.
Reti: 1° Scalzone, 2° Cuppone, 5° Fella, 8° Sainz Maza, 51° Scalzone, 59° Rosafio, 81° Scalzone.
Note: 692 spettatori per un incasso di 4.900,00 €. Ammonito 52° Scalzone, 87° Mastrilli, 87° Palomeque. Calci d'angolo 4-1.

Virtus Francavilla-Bisceglie, le dichiarazioni di Trocini e del presidente Magrì
Bisceglie, ecco la strada verso la salvezza