BISCEGLIE

Bisceglie in viaggio verso Catania. I convocati

Live score su BisceglieViva domenica dalle ore 14:00

Vito Troilo
06.04.2019 11:35

Motivati a conquistare un altro risultato utile (è accaduto sei volte nelle ultime sette gare, con la sola eccezione della battuta d'arresto di Potenza), i calciatori e i componenti dello staff tecnico del Bisceglie sono partiti sabato mattina alla volta della Sicilia. Domenica 7 aprile (fischio d'inizio ore 14:30, live score minuto per minuto in tempo reale su BisceglieViva a partire dalle 14:00) la formazione nerazzurra si misurerà al cospetto di un Catania falcidiato dai malumori di una tifoseria delusa per la situazione di classifica della loro squadra del cuore.

Il match valido per la 34ª giornata nel gruppo C del campionato di Serie C ha assunto una valenza molto più marcata per la compagine guidata da Rodolfo Vanoli, costretta a fare di tutto per distanziare una Paganese tornata a -9 in seguito alla penalizzazione di tre punti in danno del club stellato. Il gruppo, consapevole dell'importanza del confronto in programma al "Massimino", ha lavorato con grande impegno, alla ricerca di quella concentrazione indispensabile per provare a uscire indenni dalla contesa con un Catania ferito nell'orgoglio dallo stop interno di mercoledì nel recupero con la Viterbese.

Il trainer varesino ha voluto con sé 25 calciatori. Out gli indisponibili Maestrelli, Mosti e Zigrossi, rientra nei ranghi Dario Giacomarro, che ha saltato l'incontro casalingo con la capolista Juve Stabia per squalifica. Stupisce la presenza, nell'elenco, di Matteo Iacazzi, un portiere classe 1984 il cui tesseramento non è mai stato annunciato finora dalla società. Vanoli dovrebbe confermare il 3-5-2 (pronto a diventare un 5-3-2 in fase di non possesso) con Cerofolini tra i pali, Maccarrone, Markic e Longo in difesa, Giron, Bangu, Giacomarro, Risolo e Triarico a centrocampo e il probabile utilizzo di Starita e Cuppone in attacco.

Vittoria Sasso solidale col Bisceglie: «Non è giusto cambiare le regole in corsa»
Unione, prenditi la salvezza